Offerta Formativa

Scuola dell’Infanzia
Anno scolastico 2015-2016 


Territorio
L’Istituto Don Bosco è attivo in maniera significativa da più di un secolo sul territorio di Sampierdarena. Una lunga storia, una presenza continua e concreta,  punto d’incontro per famiglie e ragazzi e punto di raccordo tra giovani e mondo del lavoro e dell’impegno sociale.

La centralità dei giovani, la proposta educativa che mira all’integrità della persona e l’esperienza comunitaria sono punti fermi di un’azione flessibile in rapporto al territorio, finalizzata al recupero e al potenziamento del contesto locale.

La Scuola dell’Infanzia, paritaria dal 2002, e convenzionata con il comune di Genova dal 24.09.2010,  si propone come  set di apprendimento e di  sperimentazione sempre più autonoma del bambino che ha la necessità di mettersi costantemente alla prova, di manipolare la realtà per conoscerla e non subirla. L’obiettivo fondante ogni intervento è proprio quello di promuovere lo sviluppo della personalità del bambino offrendogli gli strumenti per agire, relazionare e crescere cercando di superare momenti di difficoltà senza soccombere.

Le prime conquiste raggiunte al termine della Scuola dell’Infanzia costituiscono i punti di partenza di un cammino che si farà sempre più articolato e specifico nell’ambito del percorso formativo, attraverso la Scuola Primaria, Secondaria di primo grado,  il Centro di Formazione Professionale CNOS.

La vita scolastica e la crescita personale si realizzano in un clima di continuità che si vuol rendere sempre più organica sia nella sua dimensione verticale che orizzontale nel panorama variegato che si apre all’interno del Nostro Istituto.

Utenza
Vi è la necessità di andare incontro alla Famiglia, che vive, nella nostra epoca,  una serie di difficoltà che la mettono a dura prova . Per i genitori che lavorano si cerca di offrire un servizio di post scuola (15.30/16.30), durante il quale è garantita la sorveglianza del personale della scuola. All’interno dell’Istituto sono offerte  diverse attività extra –scolastiche, che coprono una vasta fascia oraria.  La nostra struttura  collabora con il  Consultorio dell’ASL e tutti i Centri Specializzati che operano sul territorio per  garantire ogni intervento educativo possibile alla piena realizzazione dell’Individuo.

Si tratta quindi di lavorare insieme: genitori, insegnanti, esperti e tutto il personale che, a vari livelli, è coinvolto nell’interazione educativa rispettando le caratteristiche e i bisogni dei bambini in un clima di onestà e reciproco rispetto.

Risorse strutturali della nostra Scuola dell’Infanzia

Nello scorso maggio la scuola dell’Infanzia ha inaugurato, completamente rinnovati, i locali dell’ex-oratorio femminile in via Cristofoli.

Si accede alla struttura mediante un cancello che immette in un breve sentiero pedonale mentre a lato esiste uno spazio dove si può parcheggiare l’auto solo per il momento strettamente necessario per la consegna/ritiro del bambino.

La struttura è costituita da:

  • Una sala spogliatoio arredata da funzionali armadietti personalizzati;
  • Un salone di accoglienza dove i bambini possono giocare tranquillamente con costruzioni, macchinine, la casetta e altri giochi strutturati;
  • 2  aule  luminose, contraddistinte da un colore, nelle quali bambini e bambine di età eterogenea possono giocare e lavorare in modo autonomo usufruendo di diversi materiali strutturati e semi-strutturati;
  • 1 sala nanna, dotata di comodi lettini, per il riposo pomeridiano dei bambini più piccoli;
  • 1 biblioteca o angolo libri;
  • 1 sala mensa dove vengono serviti i pasti;
  • Servizi igienici arredati con sanitari a misura di bambino;
  • Spazio attrezzato all’aria aperta con giochi da esterno;
  • l’ufficio della Coordinatrice che è sede di riunioni con il team docente e di colloqui personali con le famiglie richiesti tramite appuntamento;
  • Al piano superiore si trovano   due sale adibite rispettivamente a sala musica e sala motoria debitamente attrezzate e altri servizi igienici.

Alla struttura sono inoltre collegati:

  • 1a cucina che provvede alla preparazione del pranzo e della merenda;
  • La segreteria per tutto ciò che concerne la didattica e il rapporto con il pubblico;
  • L’ ufficio amministrativo per la gestione economica

 

Risorse Umane

Il Team della Scuola dell’Infanzia è composto da:

  • il Direttore dell’Istituto;
  • La Coordinatrice;
  • 2 insegnanti di sezione (arancione, azzurra);
  • 1 insegnante per l’attività motoria;
  • 1 insegnante di musica;
  • 1 insegnante di Inglese;
  • 1 economo;
  • 1 segretaria e il personale amministrativo;
  • 1 personale ausiliario;

A livello sanitario, la scuola si avvale dell’ausilio di un medico scolastico dell’A.S.L.

All’interno dell’Istituto sono presenti:

  • la Scuola dell’infanzia,  la  Scuola  Primaria, la Scuola Secondaria di I grado.
  • la Ditta Sodexo che gestisce il servizio mensa seguendo le normative ASL e  ISPELS di Igiene e Sicurezza.
  • il Centro di Formazione Professionale  CNOS;
  • il Teatro “Il Tempietto”;
  • il Cineclub “Amici del Cinema “;
  • il  centro sportivo Sport and go;
  • la  Chiesa  Parrocchiale  di San Giovanni Bosco e San Gaetano  in cui alunni, insegnanti, genitori condividono momenti significativi dell’Anno Liturgico;
  • l’Oratorio e Gruppi associativi culturali e sportivi;
  • la Scuola Calcio Don Bosco;
  • la scuola latinoamericana
  • un bar

Organi collegiali:

Collegio docenti

È composto dal Direttore della Casa Salesiana (quando se ne richiede la presenza), da tutti i docenti in servizio nella scuola e dalla Coordinatrice.

Al Collegio Docenti compete la programmazione degli orientamenti educativi e didattici nei loro momenti di proposta, discussione, decisione e verifica.

Assemblea  dei genitori

Proponiamo una riunione all’inizio dell’anno, durante la quale è eletto il rappresentante di sezione che farà anche parte della commissione mensa,  ed una alla fine dell’anno per valutare assieme l’anno trascorso ed augurarsi buone vacanze. Si valuta la possibilità di aggiungere altre date in base alle necessità.

Consiglio di intersezione

L’Istituto chiede ai rappresentanti di partecipare, durante l’anno, ad alcuni  incontri dove saranno affrontate eventuali problematiche presenti in un clima di collaborazione reciproca.

Commissione mensa

I rappresentanti delle 2 sezioni potranno venire, senza avvisare, durante il pranzo. Sarà loro richiesto di scrivere una relazione e di affiggerla in bacheca. periodicamente si incontreranno in una riunione che prevede la presenza dei genitori di altri settori e dell’economo.

Servizi offerti

  • Post-scuola (dalle 15.30 alle 16.30);
  • Mensa: la Ditta Sodexo provvede alla preparazione dei cibi utilizzando quattro menù mensili a rotazione;
  • Sala nanna: in cui i bambini più piccoli possono riposare su lettini;
  • Centro estivo: esperienza giocosa nel mese di Luglio;
  • Oratorio per i piccoli
  •  Visita alla scuola dell’infanzia: Per tutto il periodo scolastico è possibile visitare gli ambienti e conoscere il personale della Scuola, tramite appuntamento e  accompagnati dalla Coordinatrice.

Risorse finanziarie

  • Rette scolastiche
  • Contributo per la parità scolastica
  • Contributi per progetti
  • Convenzione con il Comune di Genova.

Continuità del processo educativo

Ogni livello del percorso educativo risponde a determinate esigenze e contribuisce alla  realizzazione di uno sviluppo organico e coerente della persona.

Si realizza una continuità scolastica promuovendo l’intervento mensile  delle maestre della nostra Scuola Primaria con i bambini di cinque anni.

A  metà Giugno inoltre i bambini che sono stati iscritti presso la nostra scuola avranno la possibilità di trascorrere alcune ore della mattinata, per circa due settimane,  in compagnia delle future maestre e dei futuri compagni di scuola: si avvia cioè un processo di prescuola che è utile per dare a tutti una comune base di partenza.

Altri  interventi promossi riguardano: Incontri tra gruppi di lavoro dei vari ordini di scuola, incontri mirati allo scambio e all’approfondimento d’informazioni riguardanti l’alunno, scambio e periodiche visite alla scuola Primaria, condivisione di alcuni ambienti.

Formazione del docente

La Scuola dell’Infanzia si avvale di personale abilitato, che partecipa a corsi di aggiornamento e a convegni che sono organizzati dall’istituto, dalla  F.I.S.M., dal MIUR, dalla Curia di Genova e dal Comune, in collaborazione con diversi enti. Partecipa inoltre a riunioni periodiche di coordinamento dell’attività educativa.

Formazione  per i genitori

L’accoglienza delle famiglie non si risolve esclusivamente nel momento in cui varcano l’ingresso della scuola. I genitori, quali interlocutori del dialogo educativo, rappresentano i punti di forza e a volte i punti di debolezza dei bambini.

Affinché i genitori possano migliorare o recuperare un dialogo con i propri figli, per ristabilire e confermare nella famiglia un clima di fiducia, ascolto, chiarezza e rispetto, l’Istituto promuove momenti formativi dedicati ai genitori.

Attività extra scolastiche

L’Istituto offre anche:

Il servizio di  post scuola (15.30-16.30), l’avviamento allo sport (micro- calcio,  micro-basket, mini-volley) e  diversi momenti organizzati dall’Oratorio e dalla comunità parrocchiale

L’Offerta formativa

Negli ultimi decenni, la Scuola dell’Infanzia ha compiuto percorsi decisivi verso la definitiva collocazione all’interno del Sistema  Educativo  Nazionale d’istruzione e formazione.

La Scuola dell’Infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, della competenza e della cittadinanza.

L’organizzazione del curricolo nella Scuola si basa sulla stretta interrelazione delle finalità educative, delle dimensioni dello sviluppo e dei sistemi simbolici culturali. Gli elementi che concorrono a tracciare il percorso formativo, si articolano attraverso i “Campi di Esperienza”:

  • il sé e l’altro (le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme);
  • il corpo in movimento (identità, autonomia, salute);
  • linguaggi, creatività, espressione (gestualità, arte, musica, multimedialità);
  • i discorsi e le parole (comunicazione, lingua, cultura);
  • la conoscenza del mondo (ordine, misura, spazio, tempo, natura).

Per ogni Campo di Esperienza le docenti individuano gli obiettivi di apprendimento, procedono alla formulazione dei traguardi formativi e alla scelta delle attività, stabilendo i percorsi, le metodologie e le verifiche dei traguardi  raggiunti in base all’età dei bambini. In particolare, questa competenza professionale,  s’intensifica con i bambini diversamente abili che non sono esclusi dalle attività, anzi hanno diritto a veder valorizzate al massimo le loro potenzialità.

Ai  percorsi formativi si affiancano quelli operativi:

  • la valorizzazione del gioco, che costituisce una risorsa privilegiata di apprendimento e relazioni; favorisce i rapporti attivi e creativi sul piano cognitivo e relazionale; consente al bambino di trasformare la realtà secondo le sue esigenze interiori.
  • l’esplorazione e la ricerca: le esperienze promosse si fondano sulla naturale curiosità del bambino che sarà condotto a confrontare situazioni, costruire ipotesi, elaborare e confrontare spiegazioni sviluppando strategie di pensiero.
  • la mediazione didattica: l’insegnante promuove  nel bambino l’attivazione di abilità generali di assimilazione ed elaborazione di contenuti (memorizzare, rappresentare, comprendere relazioni spaziali e causali) ricorrendo all’utilizzo di materiali sia strutturati che informali da manipolare, ordinare esplorare consentendo lo sviluppo di una maggiore conoscenza delle proprie capacità e di conseguenza migliorando la percezione di sé.

I punti fermi dell’azione educativa sono dunque i seguenti:

La centralità del bambino

Il bambino deve essere l’unico destinatario di ogni onesto e mirato intervento. Un’attenzione particolare va rivolta ai bambini che vivono situazioni di disagio (psicologico, fisico, sociale) i quali hanno diritto ad avere pari opportunità di crescita sostenuto da un sincero dialogo con la famiglia.

Il rispetto della realtà

La programmazione ha una struttura elastica che permette di adattarla alle reali situazioni in modo che sia effettivamente rispondente ai bisogni dei nostri interlocutori (Piano Personalizzato)

La priorità della relazione

Il dialogo, il gioco,  il continuo scambio che si realizza tra educatore – bambino e gruppo dei pari  sono ciò che rende possibile un intervento educativo non superficiale.

Il rispetto e l’accoglienza della diversità

E’ fondamentale il rapporto che s’instaura tra i genitori e il team docente per poter effettivamente creare un clima sereno nel quale il bambino potrà vivere le proprie esperienze con gioia soddisfazione personale. Il rispetto dei ruoli, la disponibilità all’ascolto e la sincerità rendono possibile una relazione di fiducia e collaborazione.  Gli insegnanti offrono la possibilità di colloqui frequenti, di resoconti giornalieri e sono a disposizione per aiutare i genitori a superare momenti difficili: nel periodo d’inserimento, momenti di crisi del bambino, oggettiva situazione di disagio che può richiedere l’intervento di personale specializzato (interno o esterno all’Istituto).

Disponibilità alla revisione

Il rapporto educativo non segue leggi matematiche. La crescita di un individuo è soggetta a un’infinità di fattori che vanno resi costruttivi e funzionali. Non esistono ricette, ma è necessario che la professionalità si accosti all’umiltà che permette  di rendersi conto dei propri limiti e di reagire con entusiasmo per ricominciare. Le insegnanti si avvalgono dell’utilizzo di griglie di osservazione e schede di verifica  per registrare oggettivamente e con continuità i traguardi raggiunti dai bambini , traguardi che sono condivisi e discussi con la famiglia.